Petto Di Pollo Pressato (Anche Detto Al Mattone)

Ingredienti
1 petto di pollo intero (circa 900 gr)
sale affumicato
olio extravergine d’oliva
pepe nero
limone

Preparazione:

Dopo aver tolto la cartilaggine centrale al petto di pollo e l’osso a “V”, ho diviso il petto di pollo in due pezzi. Da questi due pezzi ho ricavato due fettine spesse, in totale sono 4 fettine.
Ho acceso un cesto di brichette nel cilindro accenditore ed ho predisposto il Weber OT per cottura diretta, utilizzando la griglia grand gourmet, mettendo i portabricchette al centro della griglia inferiore, proprio sopra le prese di aria.
Quando pronte le bricchette le ho distribuite nelle vaschette ed ho messo la griglia sopra.
Questa griglia è fatta apposta per le cotture dirette ad alte temperature al centro, la sua particolarità è che la parte centrale della griglia si toglie, e può essere sostituita da vari accessori, quali: wok in ghisa, piastra in ghisa e griglia a rombi in ghisa.
Io ho utilizzato per questa cottura la griglia a rombi. L’ho posizionata, dopo averla unta, e l’ho lasciata scaldare bene col coperchio del BBQ chiuso per circa 5 minuti.
Sopra la griglia ho lasciato anche una “pressa”, unta anche questa, sempre in ghisa a scaldare.
Poi ho aperto il coperchio del Weber ed ho messo una fettina di petto di pollo sulla griglia con la pressa calda sopra, ho lasciato cuocere per due minuti, poi l’ho girata dall’altro lato, altri due minuti infine l’ho messa nella parte laterale della griglia, senza brace sotto.
Ho seguito questa procedura per tutte e 4 le fette di petto di pollo, poi ho inserito una leccarda con acqua ed ho chiuso il coperchio completando la cottura per altri 7 minuti circa.
Ho tolto dal Weber OT, ho atteso qualche minuto ed ho scaloppato le fettine di pollo servendole con olio extravergine d’oliva, sale affumicato, pepe bianco e limone.

Con questa tecnica di cottura, se ben eseguita, il petto di pollo rimane molto pieno dei suoi succhi, quindi molto umido e tenero.
L’utilizzo della pressa aiuta il pollo a rimanere “teso”, prendendo calore sotto e sopra non si “gonfia”, questo aiuta anche il formarsi dei grill marks, le marcature della griglia di ghisa sul pollo.
Questa tecnica di cottura ricorda molto il pollo al mattone, dove un pollo aperto viene cotto sulla brace con l’ausilio del mattone sopra a tenerlo teso e schiacciato. Credo sia una ricetta tipica in toscana.

Questa voce è stata pubblicata in Barbecue, Seconda Portata e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>